Le presenti condizioni generali (di seguito anche solo “Condizioni Generali”) stabiliscono le regole di utilizzo del portale (ossia la piattaforma online che ha come finalità esclusiva la facilitazione della raccolta dei capitale da parte degli Offerenti) raggiungibile attraverso il sito www.puzzlefunding.com (di seguito anche solo il “Portale”) di titolarità di e gestito da Puzzle Funding S.r.l., società di diritto italiano, con sede legale in Piazza Borromeo n. 14, 20123 Milano, capitale sociale di Euro € 12.502,001 interamente versato, partita IVA, Codice Fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 10389810960, Indirizzo Pec: puzzle.funding@legalmail.it, iscritta al n. 50 dell’apposito registro tenuto dalla Consob a seguito di autorizzazione adottata con delibera n. 21555 del 21.10.2020 (di seguito il “Gestore”) e dei servizi ivi offerti.

1. Definizioni

  1. I termini con lettera maiuscola contenuti nelle presenti Condizioni Generali avranno il significato a essi attribuito la prima volta che sono menzionati e/o il seguente significato:

Banca Depositaria”, la banca presso cui deve essere aperto il conto indisponibile infruttifero destinato all’Offerta per consentire il versamento da parte degli Investitori dell’investimento;

“Codice del Consumo”: il D. Lgs. 6.9.2005, n. 206;

“Codice Privacy”: il D. Lgs. 30.6.2003, n. 196 recante il “Codice in materia di protezione dei dati personali e s.m.i.;

“Decreto 179/2012” “Decreto Crescita”: il Decreto Legge 18.10.2012, n. 179 convertito con modificazioni dalla L. 17.12.2012 n. 221 recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”;

“GDPR”: Regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27.4.2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati e s.m.i.;

“Incubatore/i Certificato/i”, la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano o società europea, con sede in Italia, che offre servizi per sostenere la nascita e lo sviluppo di start up innovative, come meglio definito dall’art. 25, co. 5, del D.L. 179/2012;

Investimento”: la sottoscrizione di capitale di rischio (azioni, quote, strumenti finanziari e/o obbligazioni) degli Offerenti attraverso il Servizio Crowdfunding.

Investitore/i”: collettivamente, gli Investitori Professionali e gli Investitori non Professionali;

Investitore/i non Professionale/i”: gli investitori diversi dagli Investitori Professionali, interessati a investire in quote o azioni rappresentative del capitale sociale degli Offerenti di cui all’articolo 24, comma 2, del Regolamento Crowdfunding

Investitore/i Professionale/i”: i clienti professionali privati di diritto e i clienti professionali privati su richiesta, individuati nell’Allegato 3, rispettivamente ai punti I e II, del Regolamento Intermediari, nonché i clienti professionali pubblici di diritto e i clienti professionali pubblici su richiesta individuati rispettivamente dagli articoli 2 e 3 del decreto ministeriale 11 novembre 2011, n. 236 emanato dal Ministero dell’economia e delle finanze, nonché fondazioni bancarie, incubatori di startup innovative e investitori a supporto delle piccole e medie imprese, come previsto e definito dall’art. 24, comma 2, del Regolamento Crowdfunding;

Offerente/i”: i soggetti indicati all’art. 2 comma 1, lett. c), numeri da 1 a 4) del Regolamento Crowdfunding, ovvero:

  1. la piccola e media impresa, come definita dall’art. 2, paragrafo 1, lettera f), primo alinea, del Regolamento (UE) n. 2017/1129 del 14.6.2017 organizzate in forma societaria secondo il diritto di uno Stato membro dell’Unione europea o aderente agli accordi sullo Spazio Economico Europeo (di seguito anche solo “PMI”);
  2. la società start-up innovativa, compresa la start-up a vocazione sociale, come definite dall’art. 25, commi 2 e 4, del Decreto 179/2012 e la start-up turismo prevista dall’art. 11-bis del D.L. 31.5.2014, n. 83, convertito con modificazioni dalla L. 29.7.2014, n. 106, che rispetti i limiti dimensionali di cui al precedente n. 1 (di seguito anche solo “Start-Up”);
  3. la piccola e media impresa innovativa (“PMI innovativa”), come definita dall’art. 4, comma 1, del D.L 24.1.2015, n. 3, convertito con modificazioni dalla L. 24.3.2015, n. 33;
  4. l’organismo di investimento collettivo del risparmio (“OICR”) che investe prevalentemente in PMI, ossia che destina almeno il 70% dei capitali raccolti in piccole e medie imprese;
  5. le società di capitali che investono prevalentemente in piccole e medie imprese, ossia le società di capitali le cui immobilizzazioni finanziarie, iscritte nell’ultimo bilancio depositato, sono costituite almeno al 70% da strumenti finanziari di piccole e medie imprese;

Offerta”: l’offerta al pubblico condotta attraverso il Portale per la raccolta di capitali, ai sensi dell’art. 100-ter, del TUF da parte degli Offerenti tramite il Portale;

Ordine”: il completamento dell’ordine di sottoscrizione degli Strumenti Finanziari effettuato tramite il Portale;

“Regolamento Crowdfunding”: Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 18592 del 26.6.2013 e s.m.i.;

“Regolamento Emittenti”: Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 11971 del 14.5.1999 e s.m.i.;

“Regolamento Intermediari”: Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 20307 del 15.2.2018 e s.m.i.;

“Servizi”: tutti i servizi offerti dal Portale, incluso il Servizio Crowdfunding;

“Servizio Crowdfunding”: disciplinato dall’art. 50-quinquies del TUF, del D.L. 179/2012 e del Regolamento Crowdfunding, offerto dal Gestore agli Utenti del Portale e regolato dalle presenti Condizioni Generali;

Strumenti Finanziari”: le azioni e/o le quote rappresentative del capitale sociale degli Offerenti oggetto delle Offerte degli Offerenti a mezzo del Portale;

TUF”: il D. Lgs. 24.2.1998 n. e s.m.i.;

Utenti”: Offerenti e Investitori e qualunque altro soggetto che accede al Portale.

 

 2. Accettazione e modifiche alle Condizioni Generali

  1. La navigazione sul Portale e l’utilizzo dei Servizi è subordinato all’attenta lettura e accettazione delle presenti Condizioni Generali e di tutte le regole, policy e/o procedure utilizzate dal Gestore e/o pubblicate sul Portale, compresi gli aggiornamenti di volta in volta apportati, i quali verranno comunicati per il tramite del Portale, come di volta in volta aggiornato, e i relativi eventuali allegati.
  2. Il Gestore si riserva il diritto di modificare, in tutto o in parte, le presenti Condizioni Generali, così come tutte le regole, policy e/o procedure utilizzate dal Gestore e/o pubblicate sul Portale, senza preavviso e senza che di ciò si debba dare comunicazione ad alcuno, se non tramite la pubblicazione sul Portale stesso.
  3. Gli Utenti, anche qualora abbiano accettato le Condizioni Generali al momento della registrazione, sono pertanto comunque tenuti a prendere visione e a riesaminare periodicamente le presenti Condizioni Generali, nonché tutte le regole, policy e/o procedure utilizzate dal Gestore e/o pubblicate sul Portale in modo da essere sempre informati circa le condizioni applicate alla navigazione sul Portale e all’utilizzo dei Servizi. Resta inteso che l’utilizzo del Portale e/o dei Servizi dopo la modifica delle Condizioni Generali e/o di tutte le regole, policy e/o procedure utilizzate dal Gestore e/o pubblicate sul Portale o delle caratteristiche dei Servizi comporta l’accettazione delle modifiche apportate.
  4. Qualora l’Utente non desiderasse accettare le presenti Condizioni Generali e/o le regole, policy e/o procedure utilizzate dal Gestore e/o pubblicate sul Portale, è tenuto a non utilizzare il Portale e a non scaricare materiale, documenti, informazioni a qualsiasi titolo in esso contenuto.

 

 

3. Registrazione

  1. La navigazione di alcune sezioni del Portale è offerta agli Utenti senza alcuna registrazione, mentre altre sezioni del Portale (come per esempio l’accesso ai documenti degli Offerenti o la lettura completa dell’Offerta) e i Servizi, ivi compreso il Servizio Crowdfunding sono accessibili dagli Utenti solo previa registrazione.
  2. In particolare, i Servizi e il Servizio Crowdfunding sono destinati a Utenti che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età.
  3. L’Utente, nel caso di utente persona fisica, mediante la registrazione al Portale e la compilazione dei campi relativi alla registrazione, dichiara e garantisce di avere la maggiore età e la capacità giuridica per stipulare un contratto vincolante e che tutte le informazioni di registrazione sono accurate e veritiere.
  4. L’Utente, nel caso di utente persona giuridica, mediante la registrazione al Portale e la compilazione dei campi relativi alla registrazione, dichiara e garantisce di avere la maggiore età e la legale rappresentanza dell’ente, oltre alla capacità giuridica per stipulare un contratto vincolante e che tutte le informazioni di registrazione sono accurate e veritiere.
  5. L’Utente è, quindi, unico responsabile delle informazioni dal medesimo indicate, non avendo il Gestore facoltà di accertarsi delle stesse.
  6. Gli Utenti che si registreranno al Portale dovranno fornire alcuni dati personali e seguire la procedura di registrazione e/o di attivazione illustrata al momento della registrazione o della richiesta di sottoscrizione dei Servizi e in particolare del Servizio Crowdfunding. Il processo di autenticazione ha come fine quello di tutelare la sicurezza degli Utenti e accertarsi che l’Utente sia interessato alla registrazione o all’utilizzo dei Servizi e in particolare del Servizio Crowdfunding.
  7. Al momento della registrazione e/o della richiesta di attivazione del Servizio Crowdfunding sarà richiesto di creare uno username e una password per accedere alle sezioni riservate agli Utenti registrati e/o dei Servizi e in particolare del Servizio Crowdfunding (“Codici di Acceso”). L’Utente registrato dovrà avere cura dei Codici di Accesso e tenerli riservati. L’Utente riconosce e accetta di essere l’unico responsabile del mantenimento della riservatezza dei Codici di Accesso.
  8. In caso di smarrimento, furto o perdita dei Codici di Accesso l’Utente dovrà prontamente avvisare il Gestore che procederà alla disattivazione e sostituzione. Qualora l’Utente venga a conoscenza di qualsivoglia utilizzo non autorizzato dei propri Codici di Accesso o di altre informazioni di registrazione al Portale, dovrà notificare immediatamente tale circostanza al Gestore all’indirizzo e-mail registrazioni@puzzlefunding.com.
  9. Il diritto di accesso al Portale e l’utilizzo dei Servizi e in particolare del Servizio Crowdfunding è strettamente personale e non è trasferibile a terzi.
  10. L’Utente è direttamente e indirettamente responsabile di ogni uso improprio e illegittimo del Portale e dei Servizi e in particolare del Servizio Crowdfunding da parte propria o da parte di terzi che utilizzassero il Servizio Crowdfunding a suo nome.
  11. Le informazioni relative al trattamento dei dati personali sono illustrate nell’informativa sul trattamento dei dati personali contenuta nell’apposita sezione del Portale e al momento della registrazione e/o della richiesta di attivazione dei Servizi e in particolare del Servizio Crowdfunding.
  12. Nel caso in cui l’Utente non completi la procedura di registrazione e/o di sottoscrizione al Servizio Crowdfunding dopo avere fornito l’indirizzo e-mail e/o altro dato richiesto per la attivazione, o fornisca dati non corretti, il medesimo potrà ricevere un numero limitato di comunicazioni che lo inviteranno a concludere il processo di iscrizione.
  13. Al fine di permettere un corretto utilizzo dei Servizi, è necessario che l’Utente mantenga le informazioni di registrazione aggiornate. Il caricamento e il mantenimento di informazioni non accurate, incomplete o non aggiornate da parte dell’Utente costituisce una violazione delle presenti Condizioni Generali e può comportare l’immediata chiusura dell’account dell’Utente.
  14. Fornendo il proprio indirizzo e-mail e il proprio consenso, l’Utente dichiara di accettare di ricevere tutte le comunicazioni per via elettronica all’indirizzo e-mail indicato e sotto la propria responsabilità si impegna ad aggiornare o modificare l’indirizzo fornito in fase di registrazione. In sede di registrazione l’Utente può anche accettare l’invio della newsletter periodica.

 

4. Descrizione del Servizio

  1. Il Servizio Crowdfunding consiste, da un lato, nel raccogliere e selezionare i progetti degli Offerenti e nel consentire agli Offerenti di pubblicare sul Portale un’Offerta relativa a Strumenti Finanziari e, dall’altro lato, nel consentire agli Investitori registrati di aderire alle Offerte sottoscrivendo gli Strumenti Finanziari di cui alle Offerte nel rispetto delle presenti Condizioni Generali e della normativa applicabile.
  2. Il Gestore non svolge attività di consulenza, né formula raccomandazioni riguardanti gli Strumenti Finanziari.
  3. Il Gestore non opera alcuna valutazione, intesa come determinazione del valore degli Strumenti Finanziari dell’Offerente, sia prima, durante, sia dopo l’Offerta sul Portale.
  4. Il Gestore non è in alcun modo responsabile del buon esito delle Offerte, né dei risultati economici conseguiti dall’Offerente nel tempo e non può essere chiamato a rispondere di eventuali perdite subite dagli Investitori in relazioni agli Strumenti Finanziari.

 

5. Disciplina per gli Offerenti

  1. Il Gestore richiede agli Offerenti di impegnarsi a pubblicare in maniera dettagliata, corretta, chiara, non fuorviante e senza omissioni, con caratteri leggibili, tutte le informazioni riguardanti l’Offerta e l’Offerente stesso affinché gli Investitori possano ragionevolmente e compiutamente comprendere la natura dell’Investimento, il tipo di Strumenti Finanziari offerti e i rischi a essi connessi e prendere le decisioni in materia di investimenti in modo consapevole.
  2. Fatte salve le previsioni della normativa applicabile, in particolare, l’Offerente si impegna, in collaborazione con il Gestore, a pubblicare sul Portale una descrizione della propria attività, nonché le seguenti informazioni:

(i) qualora l’Offerente sia una Start-up Innovativa o una PMI:

(a) una descrizione del progetto industriale, (b) del business plan, (c) degli strumenti finanziari oggetto dell’Offerta e della percentuale che essi rappresentano rispetto al capitale sociale dell’Offerente, dei diritti amministrativi e patrimoniali a essi connessi e alle relative modalità di esercizio, (d) dei diritti a essi connessi e delle relative modalità di esercizio, (e) delle clausole predisposte con riferimento alle ipotesi in cui i soci di controllo cedano le proprie partecipazioni a terzi successivamente all’Offerta (a titolo esemplificativo e non esaustivo, le modalità per la way out dall’investimento, presenza di eventuali patti di riacquisto, eventuali clausole di lock-up e put option a favore degli Investitori ecc.) con contabile completa e, ove disponibili, i dati relativi al fatturato, al margine operativo lordo e netto, all’utile di esercizio, al totale dell’attivo, al rapporto tra immobilizzazioni immateriali e il totale dell’attivo, alla posizione finanziaria netta, al giudizio del revisore;

(ii) qualora l’Offerente sia un OICR che investe prevalentemente in start-up innovative e in PMI innovative:

(a) una descrizione degli strumenti finanziari oggetto dell’Offerta e della percentuale che essi rappresentano rispetto al capitale sociale dell’Offerente, dei diritti amministrativi e patrimoniali a essi connessi e alle relative modalità di esercizio, (b) il collegamento ipertestuale al regolamento o statuto e alla relazione semestrale dell’OICR e al documento di offerta contenente le informazioni messe a disposizione degli investitori, redatto in conformità all’Allegato 1-bis del Regolamento Emittenti, (c) una descrizione degli organi sociali e del curriculum vitae degli amministratori;

(iii) qualora l’Offerente sia una società che investe prevalentemente in start-up innovative e in PMI innovative:

(a) una descrizione degli strumenti finanziari oggetto dell’Offerta e della percentuale che essi rappresentano rispetto al capitale sociale dell’Offerente, dei diritti amministrativi e patrimoniali a essi connessi e alle relative modalità di esercizio, (b) i collegamenti ipertestuali ai siti delle proprie partecipate, e l’indicazione della propria politica di investimento; affinché gli Investitori possano ragionevolmente e compiutamente comprendere la natura dell’investimento, il tipo di strumenti finanziari offerti e i rischi a essi connessi e prendere le decisioni in materia di investimenti in modo consapevole.

3. Le suddette informazioni potranno essere aggiornate e/o integrate nel caso di modifica delle medesime e/o della normativa applicabile.

4. Gli Offerenti si impegnano, inoltre, a pubblicare per ciascuna Offerta la seguente avvertenza: “Le informazioni sull’offerta non sono sottoposte ad approvazione da parte della Consob. L’offerente è l’esclusivo responsabile della completezza e della veridicità dei dati e delle informazioni dallo stesso fornite. Si richiama inoltre l’attenzione dell’investitore che l’investimento, anche indiretto, mediante OICR o società che investono prevalentemente in strumenti finanziari emessi da start-up innovative e PMI innovative è illiquido e connotato da un rischio molto alto.”

5. Sempre con riguardo all’Offerta, l’Offerente, con la collaborazione del Gestore, si impegna a pubblicare:

(a) le condizioni generali dell’Offerta, ivi inclusa l’indicazione dei destinatari, di eventuali clausole di efficacia e di revocabilità delle adesioni;

(b) le informazioni sulla quota eventualmente già sottoscritta da parte degli Investitori Professionali o da parte di fondazioni bancarie o da parte di Incubatori Certificati di start up innovative o da parte degli Investitori a Sostegno dell’Innovazione o degli altri soggetti di cui all’art. 24, comma 2, del Regolamento Crowdfunding;

(c) la descrizione delle modalità di calcolo della quota riservata agli Investitori Professionali o alle fondazioni bancarie, agli Incubatori Certificati, agli Investitori a Sostegno dell’Innovazione e agli altri soggetti di cui all’articolo 24, comma 2, del Regolamento Crowdfunding;

(d) i termini e le condizioni per il pagamento e l’assegnazione/consegna degli Strumenti Finanziari sottoscritti dagli Investitori;

(e) le eventuali informazioni sulla pubblicazione di offerte aventi il medesimo oggetto su altri portali;

6. L’Offerente, infine, si impegna a:

(a) aprire un conto destinato all’Offerente presso la Banca Depositaria indicatagli dal Portale;

(b) a deliberare l’aumento di capitale sociale a servizio dell’Offerta;

(c) a inserire nello statuto sociale la possibilità di raccogliere capitali tramite portali di equity crowdfunding, nonché, per un periodo corrispondente al periodo in cui perdura lo status di “start up innovativa” o di “PMI innovativa” e comunque per i tre anni successivi all’Offerta, il diritto di recesso dalla società ovvero il diritto di covendita ovvero clausole che attribuiscano un diritto analogo delle proprie partecipazioni nonché le relative modalità e condizioni di esercizio nel caso in cui i soci di controllo, successivamente all’Offerta, trasferiscano il controllo a terzi;

(d) a inserire nello statuto sociale, in caso di esistenza o nuova sottoscrizione di patti parasociali, una clausola che preveda l’obbligo per i soci a comunicare e a rendere disponibile all’organo amministrativo una copia integrale dei patti parasociali sottoscritti affinché gli stessi vengano pubblicati sul sito internet della Società;

(e) a garantire e riconoscere, senza spesa alcuna, l’esercizio da parte degli Investitori del diritto di revoca quando, tra il momento dell’adesione all’Offerta e quello in cui la stessa è definitivamente chiusa, sopravvenga un fatto nuovo o sia rilevato un errore materiale o un’imprecisione concernente le informazioni esposte sul Portale, che siano atti a influire sulla decisione dell’investimento; tale diritto di revoca dovrà essere consentito agli Investitori qualora esercitato entro 7 (sette) giorni dal momento in cui gli Investitori siano venuti a conoscenza del fatto nuovo o dell’errore materiale;

(f) a garantire e riconoscere, senza spesa alcuna, l’esercizio da parte degli Investitori non Professionali, il diritto di recedere dall’ordine di adesione, tramite una comunicazione scritta da inviarsi entro (7) sette giorni decorrenti dalla data dell’ordine.

7. Le informazioni pubblicate dall’Offerente dovranno essere aggiornate periodicamente e l’Offerente prende atto e accetta che saranno disponibili a chiunque ne faccia motivata e legittima richiesta anche successivamente alla chiusura dell’Offerta per un periodo di 5 (cinque) anni.

8. Le disposizioni contenute nel presente articolo non sostituiscono quelle di cui al contratto di fornitura del servizio di crowdfunding che saranno sottoscritte tra l’Offerente ed il Gestore laddove l’Offerente decida di svolgere un’Offerta tramite il Portale.

 

6. Modalità di scelta delle candidature delle Offerte

  1. L’Offerente è tenuto a inviare esclusivamente via e-mail all’indirizzo dedicato –candidature@puzzlefunding.com – la candidatura della propria Offerta.
  2. Ai fini dell’ammissione dell’Offerta sul Portale, fermo quanto previsto dalla normativa applicabile, il Gestore verifica che lo statuto o l’atto costitutivo dell’Offerente preveda:
    • il diritto di recesso dalla società ovvero il diritto di co-vendita delle proprie partecipazioni, nonché le relative modalità e condizioni di esercizio nel caso in cui i soci di controllo, successivamente all’Offerta, trasferiscano direttamente o indirettamente il controllo a terzi, in favore degli investitori diversi dagli Investitori Professionali o dalle altre categorie di investitori indicate di seguito che abbiano acquistato o sottoscritto Strumenti Finanziari offerti tramite Portale. Tali diritti sono riconosciuti per almeno 3 (tre) anni dalla conclusione dell’Offerta;
    • la comunicazione all’Offerente, nonché la pubblicazione dei patti parasociali nel sito internet dell’Offerente.
  3. Inoltre, in via preliminare, il Gestore verifica la sussistenza dei seguenti requisiti:
    1. l’Offerente si qualifichi come una Startup/PMI innovativa ovvero come una PMI oppure come un OICR o una società di capitali che investe prevalentemente in PMI secondo quanto previsto dal Regolamento Crowdfunding
    2. gli Strumenti Finanziari abbiano le caratteristiche di cui all’art. 2, comma 1, lett. h), del Regolamento Crowdfunding;
    3. il corrispettivo totale dell’Offerta per la sottoscrizione o l’acquisto degli Strumenti Finanziari sia inferiore a quello determinato dalla Consob ai sensi dell’articolo 100, comma 1, lett. c), del TUF;
    4. l’attività svolta dall’Offerente e il progetto che lo stesso intende finanziare con i fondi raccolti tramite l’Offerta degli Strumenti Finanziari sul Portale e del relativo business plan (di seguito il “Progetto”) non presentino contenuti che offendano la dignità delle persone, il comune senso del pudore o l’etica pubblica e non comprendano attività o iniziative che, pur di per sé lecite, riguardano la produzione o l’impiego di armi o di altri mezzi di offesa alla salute o dignità delle persone.

4. Al fine delle verifiche richieste dal Gestore, l’Offerente è tenuto a fornire alla Società, la documentazione e le informazioni seguenti:

  1. atto costitutivo e statuto dell’Offerente;
  2. documentazione comprovante l’iscrizione presso l’apposita sezione speciale del registro imprese prevista dall’art. 25, comma 8, del D.L. 179/2012;
  3. indicazione del collegamento ipertestuale al sito internet dell’Offerente;
  4. descrizione degli organi sociali e del curriculum vitaedegli amministratori dell’Offerente;
  5. relazione illustrativa dell’attività svolta dall’Offerente in relazione al Progetto;
  6. deliberazioni degli organi sociali competenti all’emissione degli Strumenti Finanziari, laddove assunte, da cui risultino la tipologia, le caratteristiche, i diritti connessi agli Strumenti Finanziari e il prezzo unitario degli stessi, la quota minima di sottoscrizione, la natura irrevocabile per l’Offerente dell’Offerta, il suo corrispettivo totale e le eventuali condizioni cui l’efficacia della stessa soggiace;
  7. durata del periodo della delibera di aumento del capitale, che non può comunque eccedere 6 (sei) mesi;
  8. descrizione dei Titolo oggetto dell’Offerta, della percentuale che essi rappresentano rispetto al capitale sociale dell’Offerente, dei diritti amministrativi e patrimoniali a essi connessi e delle relative modalità di esercizio;
  9. l’Offerente si qualifichi come una Startup/PMI innovativa ovvero come una PMI oppure come un OICR o una società di capitali che investe prevalentemente in PMI secondo quanto previsto dal Regolamento Crowdfunding; 

nell’ipotesi in cui le deliberazioni previste dalla lettera f) non siano state ancora assunte dall’Offerente, quest’ultimo è comunque tenuto a fornire al Gestore tutte le informazioni previste dalla medesima disposizione in relazione agli Strumenti Finanziari da emettere (inclusa la quota minima di sottoscrizione);

esplicitazione di eventuali patti parasociali e/o qualsiasi accordo preesistente tra soci dell’Offerente;

le informazioni concernenti gli eventuali effetti della pandemia da Covid-19 in merito alla sostenibilità dei relativi progetti.

  1. Il Gestore chiede agli esponenti aziendali della società Offerente di autocertificare il possesso dei requisiti di onorabilità e, comunque, chiede la consegna delle certificazioni del casellario giudiziale e dei carichi pendenti, e la dichiarazione di insussistenza di dichiarazioni di fallimento personali.
  2. In conformità a quanto previsto dall’art. 24 del Regolamento Crowdfunding, ai fini del perfezionamento dell’Offerta sul Portale, il Gestore verifica che una quota almeno pari al 5% (cinquepercento) degli Strumenti Finanziari offerti sia stata sottoscritta dai soggetti indicati dall’art. 24, comma 2 del Regolamento Crowdfunding.
  3. Laddove il Gestore rilevi l’incompletezza della documentazione e delle informazioni prodotte dall’Offerente, comunicherà allo stesso senza indugio la necessità della loro integrazione indicando la documentazione e le informazioni mancanti o carenti.
  4. L’Offerente è, altresì, tenuto a compilare il formulario relativo al progetto reso disponibile dal Gestore all’Offerente per le opportune valutazioni da parte del Gestore (di seguito anche solo “Formulario Progetto”) e a inviare il relativo business plan.
  5. L’Offerente si impegna a rispondere correttamente al Formulario Progetto fornendo risposte che siano conformi a realtà e si impegna altresì a rispondere alle eventuali richieste di chiarimento formulate dal Gestore.
  6. Il Gestore, ricevuta tutta la documentazione e le informazioni dall’Offerente rilevanti ai fini della valutazione di cui sopra, sarà tenuto a comunicare all’Offerente, entro il termine di 30 (trenta) giorni lavorativi decorrenti dalla compiuta presentazione, l’esistenza di elementi ostativi all’ammissione dell’Offerta sul Portale o l’accettazione della pubblicazione dell’Offerta, dando corso agli adempimenti previsti per la pubblicazione sul Portale.
  7. In caso di parere positivo in merito alla fattibilità del Progetto, il Gestore, allo scopo di ammettere l’offerta sul Portale, richiede, infine, all’Offerente di produrre, laddove non siano già stati trasmessi, i pertinenti atti previsti, ossia i documenti indicati supra al comma 4 del presente articolo.
  8. L’ammissibilità dell’Offerta sul Portale è comunicata all’Offerente attraverso l’indirizzo mail indicato nella domanda. Nella comunicazione sarà riportato un riepilogo della documentazione e degli adempimenti necessari, laddove non già eseguiti, prima della messa on-line dell’Offerta e verrà inviato anche il contratto da sottoscrivere per la formale ammissione dell’Offerta sul Portale.
  9. Il Gestore e il candidato Offerente potranno eventualmente anche stipulare accordi per servizi opzionali offerti dal Gestore e comunque non vincolanti in alcun modo l’accettazione e/o la pubblicazione dell’Offerta dell’Offerente.
  10. Nel caso in cui l’ammissione dell’Offerta sul Portale sia, invece, negata, la Società comunicherà a senza indugio all’Offerente l’impossibilità di procedere con l’Offerta degli Strumenti Finanziari sul Portale.
  11. L’Offerente riconosce ed è consapevole del fatto che il Portale applica il metodo “All-or-Nothing” a tutte le Offerte pubblicate; questo consiste nel determinare e raggiungere la fattibilità di un Progetto in riferimento all’importo minimo obiettivo dell’Offerta.
  12. L’Offerente prende atto e accetta che l’Offerta è irrevocabile e che il Gestore ha la facoltà di disporre la sospensione dell’Offerta pubblicata sul Portale nel caso in cui abbia motivo di ritenere che l’Offerente sia inadempiente agli obblighi sullo stesso incombenti in relazione alle presenti Condizioni Generali o alla normativa applicabile o abbia fornito informazioni non corrette o non veritiere. In caso di accertata violazione deli obblighi incombenti sull’Offerente in relazione alle presenti Condizioni Generali o alla normativa applicabile o in caso di informazioni non corrette o non veritiere il Gestore si riserva il diritto di revocare l’Offerta dal Portale e di risolvere ogni accordo, salvo comunque il diritto al risarcimento degli eventuali danni cagionati al Gestore dal comportamento dell’Offerente.

 

7. Contenuto dell’Offerta

  1. Per ciascuna Offerta proposta sul Portale verrà reso disponibile quanto segue, in conformità alla normativa di volta in volta applicabile:
      1. le informazioni pertinenti previste dalle presenti Condizioni Generali e dall’Allegato 3 del Regolamento Crowdfunding e i relativi aggiornamenti forniti dall’Offerente, anche in caso di significative variazioni intervenute o errori materiali rilevati nel corso dell’Offerta, portando contestualmente ogni aggiornamento a conoscenza dei soggetti che hanno aderito all’Offerta;
      2. gli elementi identificativi dei soggetti che ricevono e curano il perfezionamento degli ordini nonché gli estremi identificativi del conto destinato;
      3. le informazioni e le modalità di esercizio del diritto di revoca;
      4. la periodicità e le modalità con cui verranno fornite le informazioni sullo stato delle adesioni, l’ammontare sottoscritto (dati aggregati sull’offerta) e il numero di aderenti;
      5. ove sia previsto, l’indicazione dell’eventuale regime alternativo di trasferimento delle quote rappresentative del capitale di piccole e medie imprese costituite in forma di società a responsabilità limitata e le relative modalità per esercitare l’opzione di scelta del regime da applicare;
      6. le informazioni sull’eventuale destinazione alla quotazione su mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione o sistemi organizzati di negoziazione degli strumenti finanziari emessi dall’Offerente;
      7. avvertenze generali sulle Offerte e informative per l’Investitore, con specifico riferimento a quanto previsto dall’Allegato 3 del Regolamento Crowdfunding.
  2. Le informazioni sull’Offerta di cui sopra saranno facilmente comprensibili a un investitore ragionevole, grazie all’utilizzo di un linguaggio non tecnico, o gergale, chiaro, conciso, ricorrendo, laddove possibile, all’utilizzo di termini del linguaggio comune. Inoltre, le informazioni sono rappresentate in modo da permettere la comparabilità delle offerte svolte tramite il Portale.
  3. In ogni caso, nella schermata di ogni Offerta, saranno presenti e immediatamente visibili:
    1. obiettivi della raccolta sia come importo minimo, sia massimo, con relativo equivalente in termini di quote dell’Offerente;
    2. importo minimo per l’investimento;
    3. tipologia della società (Startup innovativa, PMI innovativa etc.);
    4. valutazione pre-money dell’Offerente;
    5. stato avanzamento raccolta (sia in numeri, sia visivamente con barra colorata in avanzamento);
    6. giorni mancanti alla chiusura della Campagna;
    7. contenuti multimediali (foto, video, link, etc.) sull’Offerta;
    8. accesso, attraverso vari sottomenù presenti nella pagina dell’Offerta, ai diversi argomenti dell’Offerta stessa, divisi per capitoli di interesse (come ad esempio: Team, descrizione strategia, etc.…), nonché l’accesso ai documenti scaricabili dall’utente/investitore registrato (il cui dettaglio è trattato nel prossimo paragrafo).
  4. Nella scheda di dettaglio di ogni Offerta presente sul Portale sono contenute informazioni dettagliate che l’Offerente mette a disposizione dell’Investitore per informarlo sul business e sull’utilizzo che verrà fatto dei fondi raccolti. Tutti i documenti forniti dall’Offerente e attinenti all’Offerta stessa, saranno sempre disponibili, anche dopo il termine della Campagna, con l’unico vincolo, per l’utente che desiderasse visionarli, di registrarsi al Portale. Tra tali documenti si troveranno il Pitch, il Business Plan, l’ultimo bilancio (se disponibile), il documento informativo per l’Investitore, l’atto costitutivo, la visura camerale ed eventuali altri documenti messi a disposizione dall’Offerente e attinenti all’Offerta (come, ad esempio, eventuali Patti Parasociali).
  5. In caso di investimento l’Investitore può seguire l’andamento dell’Offerta dalla scheda di dettaglio o dalla sezione portfolio della propria area personale, fino alla sua chiusura.
  6. Il Portale prevede inoltre la possibilità di inviare delle comunicazioni dirette e differenziate per Offerta, che tutti gli Investitori potranno leggere nella propria area personale, oltre a esserne notificati per e-mail.
  7. Per ogni Offerta, sarà presente un’area di “Q&A”, per dar modo agli Investitori interessati di porre delle domande all’Offerente. Questa sezione sarà visibile a tutti i potenziali Investitori (a condizione che siano registrati sul Portale) al fine di rendere visibili le risposte date dall’Offerente a ogni singola domanda da chiunque proposta. Non sono al momento previste forme di comunicazione diretta tra gli Investitori iscritti al Portale.

 

8. Informativa durante l’Offerta

  1. Durante il periodo in cui l’Offerta verrà pubblicata sul Portale e sarà possibile per i potenziali Investitori aderirvi, l’Offerente presterà tutta la necessaria assistenza per consentire di adempiere agli obblighi di comunicazione informativa nei confronti degli Investitori gravanti sulla stessa in relazione alle Offerte pubblicate sul Portale.
  2. Sempre durante il periodo in cui l’Offerta verrà pubblicata sul Portale, l’Offerente avrà inoltre l’obbligo di comunicare le seguenti informazioni di natura rilevante che verranno tempestivamente pubblicate sul Portale a garanzia dei potenziali Investitori:
    1. eventuali cambiamenti nella compagine societaria e manageriale dell’Offerente;
    2. investimenti in nuovi progetti strategici non previsti dal business plan pubblicato sul Portale;
    3. eventuali obiettivi di rilevanza strategica raggiunti dall’Offerente;
    4. eventuali premi e riconoscimenti ricevuti dall’Offerente (e/o delle Startup o PMI innovative nelle quali ha investito) nel corso di eventi o concorsi pubblici o privati;
    5. report sui risultati finanziari ottenuti dall’Offerente;
    6. report periodici sui traguardi intermedi raggiunti dall’Offerente i cui strumenti finanziari sono offerti sul Portale. La periodicità del report sarà principalmente data dalla rilevanza della novità da comunicare ai potenziali investitori e a chi avesse già aderito. Per elementi rilevanti si intende qualsiasi evento o notizia che possa modificare sostanzialmente il quadro fornito agli Investitori dell’Offerente (come ad esempio: nuovi contratti di elevata entità, perdita del cliente principale evidenziato nella documentazione messa on-line )
    7. eventuali aggiornamenti, ivi compresi quelli riguardanti fatti nuovi e significativi intervenuti successivamente alla pubblicazione dell’Offerta, suscettibili di influenzare la decisione di investimento, relativi agli eventuali effetti della pandemia da Covid-19 in merito alla sostenibilità dei relativi progetti.
  3. Gli elementi informativi sopra descritti saranno pubblicati in un’apposita sezione del Portale dedicata agli aggiornamenti per ciascun soggetto Offerente.
  4. Qualora, per qualsiasi motivo, l’Offerente non rispettasse l’obbligo di comunicare senza indugio un fatto rilevante (di pubblico dominio), il Gestore si riserverà il diritto di sospendere l’Offerta sino alla regolarizzazione della situazione.
  5. Durante tutto il periodo dell’Offerta è possibile comunicare con il team del Gestore attraverso diverse modalità di contatto (es., live chat, mail dedicata, telefono) per richiedere informazioni relative alle Offerte e/o al processo di equity crowdfunding. Le informazioni di cui sopra, saranno esclusivamente di tipo tecnico e mirate ad aiutare gli Investitori a usare correttamente le procedure di investimento sul Portale e a rispondere a domande circa eventuali dubbi sulle procedure stesse, al fine di evitare che, per qualche eventuale incomprensione sull’utilizzo del Portale, possa condurre l’Investitore a non completare correttamente l’investimento. In questo caso il compito del Team del Gestore è di aiutare nei vari passaggi, l’Investitore stesso a completare l’operazione desiderata.
  6. Gli Investitori potranno inoltre monitorare l’andamento della campagna nei vari momenti del suo sviluppo tramite i seguenti canali informativi:
    1. sezione update sulla pagina di dettaglio Progetto nel sito;
    2. comunicazioni periodiche all’Investitore via mail da parte di Puzzle Funding, con aggiornamenti e notizie di avvenimenti importanti;
    3. in accordo con l’Offerente pubblicazione dei bilanci annuali e/o infrannuali approvati dai competenti organi societari.

 

9. Informativa post Offerta

  1. Il Gestore assicura che le informazioni fornite tramite il Portale siano aggiornate e accessibili almeno per i 24 (ventiquattro) mesi successivi alla chiusura delle Offerte e rese disponibili agli Investitori registrati che ne facciano richiesta per un periodo di 5 (cinque) anni dalla data di chiusura dell’Offerta. Il Gestore assicura altresì che tali previsioni saranno adeguatamente inserite nella contrattualistica stipulata con l’Offerente.
  2. A seguito dell’esito positivo dell’Offerta, nell’arco dei successivi 24 (ventiquattro) mesi, l’Offerente avrà l’obbligo di notificare al Gestore eventuali transazioni aventi a oggetto quote del capitale sociale dell’Offerente o cessioni di rami di azienda o di cessione dell’intera azienda nel periodo indicato e di inviare altresì copia dell’eventuale verbale dell’assemblea dei soci e/o della riunione dell’organo amministrativo in cui si conferma la transazione relativa alla quota di capitale o delle cessioni di azienda e, laddove noto all’Offerente, il valore della stessa, nonché ogni altro documento a supporto della verifica del buon esito della transazione.

 

10. Procedura Ordini

  1. Gli Utenti che abbiamo provveduto a terminare la registrazione avranno accesso al Portale, ove potranno accedere ai dati delle Offerte ed eventualmente aderire alle medesime tramite il procedimento qui previsto.
  2. Il Portale non distingue Offerte per specifiche tipologie di Investitori, pertanto una volta abilitati gli Investitori potranno accedere a tutte le Offerte presenti sul Portale.
  3. L’Investitore potrà effettuare un Ordine, previa visione della “Documentazione informativa preliminare all’Offerta”, con facoltà di scaricare la medesima dall’apposita area del Portale.
  4. Conformemente a quanto prescritto dal Regolamento Crowdfunding, il Gestore adotta tutte le misure volte ad assicurare che gli Ordini ricevuti dagli Investitori siano (i) trattati in maniera rapida, corretta ed efficiente (ii) registrati in modo pronto e accurato e (iii) trasmessi, indicando gli estremi identificativi di ciascun Investitore, secondo la sequenza temporale con la quale sono stati ricevuti.
  5. Gli Investitori non Professionali, per poter accedere alla pagina di trasmissione di un Ordine, dovranno aver completato nella propria pagina personale i seguenti passaggi:
    1. l’Investitore è tenuto a selezionare l’Offerta, tra quelle attive sul Portale, sulla quale intende investire e verrà informato in merito alla rischiosità degli investimenti offerti sul Portale e, in particolare, all’illiquidità degli stessi e al rischio di perdita dell’intero investimento;
    2. l’Investitore indica la somma che intende investire e gli verrà contestualmente indicato sul Portale il numero di Strumenti Finanziari dell’Offerente (azioni o quote rappresentative del capitale sociale) corrispondente all’investimento indicato;
    3. l’Investitore deve confermare di aver letto la cd. “documentazione CONSOB”, ossia l’“investor education material” di cui all’art. 14, comma 1, lett. k), del Regolamento Crowdfunding, messo a disposizione in un’apposita area del Portale;
    4. l’Investitore deve confermare di aver letto le informazioni indicate nell’art. 15, comma 1, lettere dalla a) alla g) del Regolamento che verranno resi disponibili sul Portale nell’apposita sezione accessibile agli Utenti registrati;
    5. l’Investitore deve confermare di aver letto le condizioni dell’investimento, che saranno state messe a disposizione dell’Investitore stesso in un’apposita area del Portale (consentendo all’Investitore di salvarle su un supporto durevole), non appena completato l’iter di registrazione del profilo di Utente;
    6. l’Investitore è invitato a consultare e a confermare di aver letto: (i) la normativa di riferimento raccolta in un’apposita sezione del Portale, (ii) il Registro tenuto dalla CONSOB, e (iii) la sezione speciale del Registro delle Imprese riservata alle Startup innovative e alle PMI innovative, il tutto messo a disposizione in un’apposita area del Portale;
    7. l’Investitore deve dichiarare in modo consapevole di essere in grado di sostenere economicamente l’eventuale intera perdita dell’investimento che intende effettuare;
    8. l’Investitore deve compilare il Questionario di Appropriatezza, che avrà validità di un anno in caso di esito positivo, in occasione del primo investimento o successivamente alla scadenza della validità dello stesso;
    9. nel caso di esito negativo del Questionario di Appropriatezza, l’Investitore deve espressamente confermare di voler procedere con l’investimento, nonostante l’esito negativo;
    10. l’Investitore deve indicare (nella propria area personale) il proprio codice IBAN al fine di poter procedere, qualora venga esercitato il diritto di recesso o in caso di revoca dell’Ordine o mancato perfezionamento dell’Offerta, al rimborso integrale dell’investimento effettuato;
    11. l’Investitore deve confermare di aver letto le eventuali condizioni relative alla transazione applicate dalla Banca, messe a disposizione, laddove esistenti, in un’apposita area del Portale.
  6. Per quanto riguarda il Questionario di Appropriatezza, il Gestore si avvale della facoltà prevista dall’art. 13, comma 5-bis, del Regolamento Crowdfunding e, pertanto, verificherà direttamente, sulla scorta delle informazioni fornite, ai sensi dell’art. 15, comma 2, lett. b), del Regolamento Crowdfunding, dagli Investitori non professionali (ivi compresi i cd. “investitori a supporto delle PMI” di cui all’art. 24, comma 2, del Regolamento Crowdfunding), l’appropriatezza degli investimenti che gli stessi intendono effettuare sul Portale, tenendo conto della sussistenza o meno di un appropriato livello di esperienza e conoscenza delle caratteristiche e dei principali rischi dell’investimento.
  7. A tal fine, il Gestore ha predisposto una procedura, in virtù della quale ciascun Investitore non Professionale dovrà fornire, attraverso la compilazione del Questionario di Appropriatezza, le informazioni necessarie alla predetta verifica e confermare la veridicità delle informazioni così fornite. La raccolta di tali informazioni è diretta a garantire il migliore interesse dell’Investitore non Professionale stesso.
  8. All’esito della compilazione del Questionario di Appropriatezza, verrà assegnata all’Investitore non Professionale un determinato grado di idoneità. La verifica si intenderà positiva ove il profilo di investimento sia considerato “Idoneo”, essendo inteso che:
    1. in caso di punteggio finale inferiore al livello minimo per la tipologia di investimento scelto, ossia di esito negativo della verifica di appropriatezza, l’Investitore non Professionale potrà comunque procedere all’investimento, ma: (i) gli verrà sconsigliato l’investimento, (ii) verrà nuovamente informato del rischio di perdita dell’intero capitale investito e (iii) dovrà confermare di aver inteso pienamente tali rischi e le possibili conseguenze (nel caso l’Investitore non Professionale risponda negativamente a tale richiesta di conferma, non gli verrà permesso di effettuare l’investimento);
    2. in caso di punteggio finale uguale o superiore al livello minimo per la tipologia di investimento scelto, ossia di esito positivo della verifica di appropriatezza, verrà comunicato all’Investitore non Professionale l’idoneità ottenuta, che resterà associato al suo profilo per 1 (un) anno e l’Investitore potrà procedere immediatamente con l’investimento prescelto. Alla scadenza del periodo anzidetto, gli sarà chiesto di rispondere nuovamente al Questionario, ferma restando la sua facoltà di procedere in tal senso in ogni momento, anche prima della scadenza di tale periodo.
  9. In caso di esito negativo della verifica l’Investitore non Professionale potrà procedere nuovamente alla compilazione del Questionario di Appropriatezza non prima che siano decorsi 3 (tre) mesi dall’ultima verifica di appropriatezza.
  10. Nel caso in cui non venga raggiunto il valore soglia previsto, l’Investitore non Professionale riceverà a schermo una notifica chiara e ben visibile sulla sua non idoneità all’investimento e solo previa ulteriore accettazione dell’Investitore non Professionale verrà consentito a quest’ultimo di proseguire nella procedura d’investimento. L’Investitore non Professionale avrà inoltre sempre disponibile nella sua sezione personale un documento in formato PDF con il risultato ottenuto.
  11. Il Questionario ha validità di 1 (un) anno, superato il quale viene posto un blocco al processo di investimento fintanto che l’Investitore non Professionale non effettui nuovamente la compilazione del Questionario. Nel caso di esito negativo della valutazione, l’Investitore non Professionale sarà tenuto a ricompilare il Questionario al successivo investimento.
  12. Nel caso di assenza, totale o parziale, delle risposte il sistema impedirà la conclusione del procedimento di investimento.
  13. Oltre al Questionario di Appropriatezza, sarà comunque resa dall’Offerente una informativa che accompagnerà ogni singola Offerta pubblicata sul Portale, dove saranno messi in evidenza tutti i rischi correlati all’investimento.
  14. Per quanto riguarda gli Investitori Professionali, il Gestore richiede ai medesimi la trasmissione della necessaria documentazione atta a comprovare tale qualifica [così come definita dall’Art. 2, comma 4, punto j) del Regolamento Crowdfunding] e conseguentemente per gli investitori profilati come tali, non richiederà la compilazione del Questionario.
  15. Gli Investitori Professionali riconosciuti tali possono inviare un Ordine dalla propria pagina personale, previo completamento dei seguenti passaggi:
    1. l’Investitore Professionale deve selezionare l’Offerta, tra quelle attive sul Portale, sulla quale intende investire;
    2. l’Investitore Professionale deve indicare la somma che intende investire e gli verrà contestualmente indicato sul Portale il numero di strumenti finanziari dell’Offerente (azioni o quote rappresentative del capitale sociale o degli OICR) corrispondente all’investimento indicato;
    3. l’Investitore Professionale deve confermare di aver letto le condizioni dell’investimento, che saranno state messe a disposizione dell’Investitore stesso in un’apposita area del Portale (consentendo all’Investitore di salvarle su un supporto durevole), non appena completato l’iter di registrazione del profilo di Utente;
    4. l’Investitore Professionale deve indicare (nella propria area personale) il proprio codice IBAN al fine di poter procedere, in caso di mancato perfezionamento dell’Offerta, al rimborso integrale dell’investimento effettuato;
    5. l’Investitore Professionale deve confermare di aver letto le eventuali condizioni relative alla transazione applicate dalla Banca, messe a disposizione, laddove esistenti, in un’apposita area del Portale.
  16. Esauriti i passaggi di cui sopra, il sistema consentirà l’invio dell’Ordine.
  17. All’invio dell’Ordine, nell’apposita sezione dispositiva del Portale, il sistema genererà l’Ordine, consistente in un flusso di dati indirizzati allo stesso Investitore, e in copia per conoscenza all’Offerente, contenente i seguenti dati:
    1. tutti i dati personali registrati per l’investimento;
    2. i dati dell’Offerente al quale si riferisce l’Ordine;
    3. l’importo che l’Investitore intende investire;
    4. il codice univoco dell’Ordine (ossia un codice generato automaticamente che contraddistingue ed accompagna l’Ordine in tutte le fasi successive). Tale codice univoco consentirà anche di fissare l’ordine di priorità degli Ordini ricevuti, onde poter dare esecuzione agli stessi esattamente nel relativo ordine di presentazione.
  18. L’Investitore riceverà il riepilogo dell’Ordine tramite l’invio di un’e-mail.
  19. L’Investitore prende atto e accetta che con l’invio dell’Ordine su Portale non perfeziona la sottoscrizione dello Strumento Finanziario relativi all’Offerta.
  20. Ricevuto l’Ordine, il Gestore comunicherà all’Investitore tramite e-mail le informazioni necessarie per l’espletamento degli adempimenti necessari a perfezionare l’Ordine, concludendo la sottoscrizione o acquisto dello Strumento Finanziario. Tali informazioni includono gli estremi identificativi del conto destinato costituito presso la Banca Depositaria e destinato all’Offerente sul quale deve essere versata la provvista necessaria al perfezionamento degli ordini di sottoscrizione o acquisto degli Strumenti Finanziari.
  21. L’Ordine si considera perfezionato quanto pervenga la somma promessa nei modi e nei termini indicati nell’Offerta sul conto destinato. Qualora ciò non avvenga, il Gestore informa l’Investitore che l’Ordine non è stato eseguito correttamente e che le somme eventualmente già versate saranno restituite senza spese dalla Banca Depositaria.

 

11. Perfezionamento Ordini

  1. L’Investitore, al fine di perfezionare la sottoscrizione o l’acquisto degli Strumenti Finanziari, è quindi tenuto a seguire le indicazioni fornite via e-mail dal Gestore. L’Ordine dall’Investitore si considera eseguito nel momento in cui sia effettuato per intero l’accredito, sul conto destinato all’Offerente tenuto presso la Banca Depositaria, delle somme dovute dall’Investitore in relazione all’Ordine per la sottoscrizione degli Strumenti Finanziari offerti dall’Offerente tramite il Portale, nei termini indicati.
  2. Nel caso in cui non sia perfezionato l’Ordine come sopra indicato, il Gestore informa l’Investitore che l’Ordine non è stato eseguito correttamente e che le somme eventualmente già versate saranno restituite all’Investitore stesso, senza spese, a cura della Banca Depositaria.
  3. Si dà atto che sino all’esito della dell’Offerta e comunque per i 7 giorni successivi alla consegna degli Strumenti Finanziari, le somme corrisposte dall’Investitore per la sottoscrizione degli strumenti Finanziari offerti dall’Offerente tramite il Portale e accreditate presso il conto destinato all’Offerente, tenuto dalla Banca Depositaria, sono soggette a un vincolo di indisponibilità anche per l’Offerente e non possono essere allo stesso rimesse in alcun modo. L’Investitore prende atto e accetta che è responsabilità della Banca Depositaria provvedere agli adempimenti necessari a garantire l’effettiva osservanza del vincolo di indisponibilità del conto destinato all’Offerente.
  4. Entro i trenta giorni successivi alla chiusura dell’Offerta sul Portale (di seguito, anche il “Termine dell’Offerta”), il Gestore verifica, anche in relazione al disposto dell’articolo 24 del Regolamento e alle eventuali condizioni cui l’Offerta è subordinata, l’esito della medesima dandone comunicazione entro i successivi 3 (tre) giorni tramite il Portale. Nell’ipotesi in cui il Gestore comunichi il mancato perfezionamento dell’Offerta, le somme corrisposte dall’Investitore per la sottoscrizione degli Strumenti Finanziari saranno allo stesso restituite senza spese, a cura della Banca Depositaria, entro i successivi 15 (quindici) giorni lavorativi.
  5. Nel caso in cui sia invece riscontrato il buon esito dell’Offerta, il Gestore ne dà comunicazione entro i successivi 3 (tre) giorni tramite il Portale, nonché all’Offerente e alla Banca Depositaria, affinché l’Offerente provveda all’emissione e alla consegna degli Strumenti Finanziari, nelle forme previste dalla legge.
  6. L’Investitore e l’Offerente prendono atto e accettano che l’eventuale esercizio, da parte di altri Investitori, del diritto di revoca (ai sensi dell’art. 25, co. 2, del Regolamento) dopo la consegna degli Strumenti Finanziari potrebbe determinare il venir meno della soglia minima eventualmente stabilita per il buon esito dell’Offerta. In tal caso, l’Investitore e l’Offerente prendono atto e accettano che gli Strumenti Finanziari saranno annullati e che le somme versate a titolo d’investimento saranno rimborsate, a cura della Banca Depositaria, entro i successivi 15 (quindici) giorni lavorativi. Il Gestore comunicherà agli Investitori e all’Offerente l’avvenuto annullamento degli Strumenti Finanziari, e le indicazioni per la restituzione dei medesimi. Gli Investitori prendono atto e accettano che, in caso di annullamento degli Strumenti Finanziari da parte del Gestore, gli stessi saranno obbligati alla restituzione degli Strumenti Finanziari annullati all’Offerente secondo le modalità indicate dal Gestore.
  7. Si dà atto che, dal momento della pubblicazione sul Portale, l’Offerta avrà la durata concordata tra il Gestore e l’Offerente e, decorso tale termine, potrà essere prorogata per un periodo ulteriore concordato tra Offerente e Gestore.

 

12. Assegnazione e/o consegna degli Strumenti Finanziari

  1. In caso di perfezionamento dell’Offerta, gli Strumenti Finanziati sottoscritti o acquistati dall’Investitore sono allo stesso intestati, assegnati o consegnati anche, laddove pertinente, mediante accredito sul deposito titoli appositamente indicato dall’Investitore medesimo.
  2. L’Investitore prende atto e accetta che le operazioni di intestazione, assegnazione o consegna degli Strumenti Finanziaria si svolgeranno secondo le modalità specificamente comunicate dal Gestore all’Investitore.
  3. Nel caso in cui gli Strumenti Finanziari offerti siano quote di imprese costituite in forma di società a responsabilità limitata non soggette a vincoli o limiti di circolazione, l’Investitore, laddove l’Offerta lo preveda, avrà facoltà di scegliere se effettuare la sottoscrizione o l’acquisto dei medesimi:
    • per il tramite di un intermediario finanziario abilitato, che procederà all’intestazione delle quote in nome proprio e per conto dell’Investitore;
    • secondo il regime ordinario di cui all’articolo 2470, co. 2, c.c.

13. Diritto di recesso e revoca

  1. Il Gestore riconosce agli Investitori, qualificabili come Investitori non Professionali, il diritto di recedere dall’Ordine, senza alcuna spesa, tramite una comunicazione scritta da inviarsi entro (7) sette giorni decorrenti dalla data dell’Ordine, all’indirizzo recesso@puzzlefunding.com, specificando l’Offerta cui si riferisce.
  2. Il Gestore riconosce a tutti gli Investitori (ivi inclusi gli Investitori Professionali) il diritto di revocare il proprio Ordine nel caso in cui, tra il momento dell’adesione all’Offerta e quello in cui la stessa si chiuda definitivamente o avvenga la consegna degli Strumenti Finanziari, sopravvenga un fatto nuovo o sia rilevato errore materiale o un’imprecisione concernenti le informazioni esposte sul Portale che siano atti a influire sulle decisioni di investimento. Il diritto di revoca può essere esercitato, senza alcuna spesa, tramite una comunicazione scritta da inviarsi entro 7 (sette) giorni decorrenti data in cui le nuove informazioni sono state portate a conoscenza degli Investitori all’indirizzo revoca@puzzlefunding.com, specificando l’Offerta cui si riferisce.
  3. Successivamente al ricevimento della comunicazione, il Gestore darà conferma scritta dell’avvenuta ricezione ed espleterà le necessarie procedure per permettere all’Investitore richiedente, di finalizzare il recesso o la revoca. Nel caso in cui non sia stato ancora effettuato il bonifico sul conto destinato all’Offerente , il Gestore procederà semplicemente a eliminare la sottoscrizione dell’investimento dalla scheda online dell’Offerta dandone conferma all’Investitore. Nel caso in cui l’Investitore abbia già effettuato anche il bonifico relativo al suo Ordine, allora i fondi relativi alla provvista prevista saranno rimessi senza spese nella piena disponibilità degli Investitori sul conto corrente (individuato da apposito codice IBAN) dai medesimi indicato tramite la Banca Depositaria.
  4. Tanto nel caso di recesso quanto in quello di revoca, il rimborso avverrà entro 15 (quindici) giorni lavorativi dalla data di ricezione della comunicazione sopra citata.

 

14. Pagamenti e tariffe

  1. L’accesso al Portale da parte degli Utenti è gratuito.
  2. L’investimento tramite il Portale è gratuito per gli Investitori. Potrebbero eventualmente essere poste a carico dell’Investitore esclusivamente le spese per la trasmissione di ordini a banche ovvero eventualmente a imprese di investimento, se previste e indicate nella scheda informativa e nel documento informativo relativa a ciascuna Offerta In ogni caso, restano a carico degli Investitori le spese di bonifico previste dalla banca dei medesimi, le eventuali spese effettuate dagli Investitori per l’esame delle Offerte e per porsi in condizioni di accedere al Portale.
  3. Per quanto riguarda gli Offerenti, al termine dell’Offerta, in caso di esito positivo, il Gestore tratterrà una commissione pari a una percentuale del totale dei versamenti raccolti, definita attraverso uno specifico contratto precedentemente sottoscritto tra Offerente e il Gestore. Potrebbero eventualmente essere poste a carico dell’Offerente le spese relative al conto destinato presso la Banca Depositaria.
  4. Inoltre, gli Offerenti potrebbero essere tenuti al pagamento del corrispettivo dei servizi opzionali offerti dal Gestore ed eventualmente scelti dagli Offerenti tramite apposito contratto sottoscritto tra Offerente e il Gestore.
  5. Gli Utenti e gli Offerenti sono responsabili e si obbligano al pagamento di tutte le tasse e le imposte applicabili, inerenti all’utilizzo del Portale, dei Servizi e delle operazioni di comunicazione e registrazione e agli Strumenti Finanziari, ed esonerano il Gestore da qualsiasi obbligo tributario, amministrativo o fiscale esclusivamente riferibile ad essi.

 

15. Proprietà intellettuale

  1. Il PortaIe, la piattaforma, i contenuti della medesima, le tecnologie sottostanti, i Servizi, i software utilizzati per l’erogazione dei Servizi, i contenuti editoriali, i testi, la grafica, i file audio/video, le immagini, le icone, i loghi, i marchi i testi e, in generale, ogni altro materiale connesso al o contenuto nel Portale e/o ai o nei Servizi sono di proprietà del Gestore e/o concesse in licenza d’uso al Gestore. In ogni caso, tutti i relativi diritti sono riservati.
  2. I contenuti del Portale, in tutto o in parte, non possono essere copiati, riprodotti, duplicati, caricati, trasferito, distribuiti o comunque utilizzati senza il preventivo consenso scritto del Gestore, fatta salva la possibilità di svolgere le attività di copia e stampa di estratti strettamente necessari per l’utilizzo personale al solo fine di usufruire dei Servizi offerti dal Gestore. In ogni caso, all’Utente viene concesso un diritto d’uso del Portale non trasferibile e limitato a un uso esclusivamente privato e non commerciale.

 

16. Responsabilità sui contenuti

  1. Il Gestore non svolge alcun controllo, salvo per quelli espressamente e tassativamente previsti dal Regolamento Crowdfunding, sui contenuti immessi dagli Offerenti sul Portale.
  2. Gli Utenti sono consapevoli e riconoscono che il Gestore non predispone le informazioni sulle singole Offerte redatte dagli Offerenti e che non è tenuto al controllo delle informazioni pubblicate dagli Offerenti, né procede alla verifica della loro completezza, veridicità, o conformità alle leggi nazionali e di altri Stati, o se ledano in qualche modo il diritto o la dignità di terzi.
  3. Gli Utenti sono consapevoli e riconoscono che l’Offerente è l’unico responsabile della completezza, correttezza e della veridicità delle informazioni e della documentazione relative alle Offerte.
  4. Il Gestore non è quindi in alcun modo responsabile in relazione alle informazioni e della documentazione relative alle Offerte, né per eventuali errori e/o omissioni delle stesse, né per eventuali danni diretti o indiretti derivanti agli Utenti e/o a terzi dall’utilizzo o mancato uso del Servizio.
  5. Il Gestore, in ogni caso, si riserva il diritto, senza assumere alcun obbligo, di sottoporre a controllo i contenuti che saranno caricati dagli Utenti, nonché verificare e sottoporre a controllo il Portale e qualunque parte di esso nel quale gli Utenti possono caricare o trasmettere informazioni e/o documentazione. L’esercizio o il mancato esercizio di tale riservato diritto da parte del Gestore non può essere considerato fonte di responsabilità.
  6. Il Gestore si riserva, altresì, il diritto, senza assumere alcun obbligo, di rifiutare, rimuovere, cancellare, bloccare i contenuti ritenuti inadeguati o che comunque contravvengono alle previsioni normative applicabili ovvero alle previsioni delle presenti Condizioni Generali. L’esercizio o il mancato esercizio di tale riservato diritto da parte del Gestore non può essere considerato fonte di responsabilità
  7. Gli Utenti riconoscono di essere gli unici responsabili dei contenuti, dei materiali e delle informazioni di qualsiasi tipo dai medesimi pubblicati, trasmessi, diffusi o messi a disposizione sul Portale o tramite i Servizi e sono conseguentemente gli unici responsabili, anche da un punto di vista patrimoniale, per i danni causati direttamente e/o indirettamente agli Investitori e/o a terzi in relazione a tali attività.
  8. Gli Utenti si impegnano a utilizzare i Servizi e il Portale esclusivamente per scopi leciti e ammessi dalla normativa di volta in volta applicabile, dagli usi e consuetudini, in conformità con le regole di diligenza e delle presenti Condizioni Generali e, comunque, in ogni caso, senza ledere qualsivoglia diritto di terzi.
  9. In particolare, gli Utenti prendono atto che è vietato inserire, pubblicare, diffondere (o dar modo ad altri di farlo) nello spazio web messo a loro disposizione, contenuti:
    1. di natura offensiva, ingiuriosa, diffamatoria, calunniosa, pornografica, pedo-pornografica, oscena, blasfema e in ogni caso in contrasto con la normativa penale applicabile ovvero in contrasto con i principi di ordine pubblico e del buon costume;
    2. che possano arrecare, direttamente o indirettamente, ingiusto danno al Gestore o a terzi ovvero che incoraggino o istighino a mettere in atto condotte illecite o criminose;
    3. che violino i diritti di terzi, ivi compresi i diritti d’autore, i diritti di proprietà intellettuale e di privativa industriale, ovvero della privacy;
    4. che contengano virus o altri malware o programmi diretti a danneggiare e/o interferire con il corretto funzionamento del Portale e dei Servizi, creare un indebito sovraccarico di attività per le infrastrutture tecnologiche e dei server del Gestore o diretti a intercettare o appropriarsi di sistemi operativi, dati o informazioni personali o violare, sottrarre o sopprimere la corrispondenza informatica o telematica;
    5. contenenti pubblicità, materiale promozionale o qualsiasi altra forma di sollecitazione non richiesta e indesiderata.
  10. Gli Utenti garantiscono di essere titolari dei diritti relativi ai contenuti immessi tramite i Servizi e il Portale ovvero di aver legittimamente ottenuto il diritto o comunque la preventiva autorizzazione scritta all’utilizzo da parte del titolare dei detti contenuti e si impegnano a citare la fonte del contenuto e la sussistenza dell’autorizzazione/diritto concesso.
  11. Il Gestore, a proprio insindacabile giudizio, in caso di violazione delle obbligazioni previste in capo agli Offerenti, anche dietro segnalazione di terzi, si riserva il diritto di sospendere e/o interrompere immediatamente l’accesso al Portale e/o al Servizio Crowdfunding, nonché di cancellare quei contenuti ritenuti lesivi di disposizioni di legge, senza che alcunché sia dovuto all’Offerente e/o all’Utente, fatto salvo quanto previsto dall’art. 17 delle presenti Condizioni Generali.

 

17. Uso dei Servizi e limitazioni di responsabilità

  1. Il Gestore si impegna a impiegare la migliore tecnologia di cui è a conoscenza e le migliori risorse a sua disposizione per garantire la funzionalità del Portale.
  2. L’Utente è tuttavia consapevole e riconosce che il Gestore non può garantire che il Portale sia esente da virus e/o malware o da errori o l’ininterrotta fruizione del Portale o dei Servizi, né garantisce l’ininterrotta funzionalità del Portale o dei Servizi, il cui accesso e utilizzo potranno essere anche sospesi o interrotti a esclusiva discrezione del Gestore senza che ciò possa comportare qualsivoglia responsabilità in capo al Gestore stesso.
  3. L’Utente è, quindi, consapevole e riconosce che il Gestore non potrà in alcun caso essere ritenuto responsabile dei danni, diretti e indiretti, derivanti da ritardi o da malfunzionamenti del Portale anche se eventualmente causati a titolo meramente esemplificativo da: (i) eventi di forza maggiore; (ii) eventi dipendenti da fatto di terzi quali, l’interruzione o il malfunzionamento dei servizi degli operatori di telecomunicazioni e/o delle linee elettriche; (iii) malfunzionamento dei terminali o degli altri sistemi di comunicazione utilizzati dagli Utenti; (iv) virus o attacchi informatici; (v) ordine dell’autorità.
  4. Il Gestore si riserva la possibilità di modificare, migliorare o eliminare parti e sezioni del Portale, anche senza preavviso, fatti salvi tuttavia i diritti riconosciuti agli Investitori ai sensi del Regolamento Crowdfunding con riferimento alle Offerte. In nessun caso il Gestore potrà essere ritenuto responsabile per qualsiasi danno diretto o indiretto, causato dall’utilizzo o dal mancato utilizzo del Portale e/o dei Servizi.
  5. Nel caso in cui vi possano essere sul Portale collegamenti ipertestuali (link) verso siti o materiali di terzi, la navigazione avviene a rischio e pericolo dell’Utente, il quale deve porre in essere tutte le opportune misure protettive. Il Gestore non può essere considerato in alcun modo responsabile.
  6. In caso di interruzione della funzionalità del Portale, il Gestore si impegna a ripristinarlo nel minor tempo possibile. Gli Utenti convengono e concordano che il Gestore non potrà in alcun caso essere ritenuto responsabile per atti od omissioni compiuti dagli Utenti e in contrasto con le obbligazioni da questi assunte ai sensi delle presenti Condizioni Generali, così come non potrà essere ritenuto responsabile per malfunzionamenti dovuti a vizi dei mezzi indispensabili all’accesso, ad un uso improprio degli stessi e/o delle modalità di accesso al Portale. Il Gestore non potrà in nessun caso essere ritenuto responsabile nei confronti degli Utenti o di terzi per perdita di profitto, mancato guadagno, né per qualsiasi altra forma di lucro cessante o danno indiretto e consequenziale connesso all’esecuzione dei Servizi.

 

18. Interruzione, disattivazione e risoluzione

  1. Nel caso in cui si dovesse accertare, direttamente o indirettamente, anche a seguito di segnalazione di terzi, ivi comprese le competenti Autorità, una violazione della normativa nazionale e/o internazionale, oppure delle condizioni previste dalle presenti Condizioni Generali, il Gestore si riserva il diritto di sospendere l’accesso al Portale e/o di disattivare il Servizio nei confronti degli Utenti responsabili. In tal caso il Gestore invierà all’Utente, a mezzo Posta Elettronica Certificata, una comunicazione attestante la sospensione dell’accesso al Portale e/o la disattivazione del Servizio, indicandone le motivazioni e, se ritenuto, a propria totale discrezione, invitando l’Utente a regolarizzare la situazione entro un congruo termine.
  2. Qualora l’Utente non dovesse porre in essere le attività di regolarizzazione entro il termine assegnato, il Gestore procederà a disattivare l’accesso al Portale e ai Servizi per fatto e colpa dell’Utente. Nei casi più gravi, il Gestore potrà, a propria totale discrezione, procedere immediatamente a disattivare l’accesso al Portale e ai Servizi per fatto e colpa dell’Utente, anche senza la previa comunicazione di regolarizzare la situazione.
  3. Il Gestore si riserva altresì il diritto di intraprendere le dovute ed opportune azioni contro gli Utenti che non rispettino quanto previsto dalle presenti Condizioni Generali.

 

19. Riservatezza

  1. Il Gestore assicura la riservatezza delle informazioni acquisite dagli Investitori in ragione della propria attività, salvo nei confronti dell’Offerente e per le finalità connesse con il perfezionamento dell’Offerta, nonché in ogni altro caso in cui la normativa applicabile ne imponga o ne consenta la rivelazione.

 

20. Privacy

  1. I dati personali degli Utenti sono raccolti e trattati nel rispetto delle previsioni del GDPR e del Codice Privacy.
  2. I dati personali degli Utenti sono raccolti e trattati al fine di adempiere alle richieste dei medesimi, nonché per le finalità espressamente descritte nella privacy policy disponibile sul Portale e che deve considerarsi parte integrante e sostanziale delle presenti Condizioni Generali e alla quale si rinvia.
  3. Il titolare del trattamento dei dati è il Gestore.

 

21. Cookies

  1. Il Portale utilizza cookies per garantirne il corretto funzionamento.
  2. I cookies vengono utilizzati per ricavare informazioni sui terminali, sul sistema operativo, sull’indirizzo IP, sul tipo di browser in uso e per raccogliere informazioni, in forma aggregata o analitica.
  3. I cookies vengono utilizzati per offrire all’Utente una migliore esperienza di navigazione, per permettere l’utilizzo di specifiche funzionalità del sito e per effettuare la profilazione degli Utenti oltre per le finalità espressamente descritte nella cookie policy disponibile sul Portale e che deve considerarsi parte integrante e sostanziale delle presenti Condizioni Generali e alla quale si rinvia.

 

22. Identificazione e gestione dei conflitti di interesse

  1. Il Gestore ha predisposto una policy di identificazione e gestione dei conflitti di interesse .

 

23. Prevenzione delle frodi e procedura di whistleblowing

  1. Il Gestore ha predisposto una policy per la prevenzione delle frodi e una procedura di whistleblowing. 

 

24. Reclami

  1. L’Investitore che ritenga di inoltrare un reclamo potrà farlo tramite e-mail spedita all’indirizzo reclami@puzzlefunding.com, indicando nel testo una breve descrizione della lamentela e i propri dati identificativi (nome, cognome/denominazione o ragione sociale, residenza o sede).
  2. Il Gestore confermerà la ricezione entro il 5° (quinto) giorno lavorativo e fornirà un riscontro entro 30 (trenta) giorni dalla data di conferma della ricezione del reclamo. Il Gestore si riserva il diritto di chiedere chiarimenti circa il contenuto del reclamo.
  3. La risposta del Gestore conterrà le motivazioni in base alle quali il Gestore stesso ritenga il reclamo fondato o non fondato. Nel caso in cui il reclamo sia ritenuto fondato, il Gestore comunicherà all’Investitore le misure e la tempistica con le quali intende risolvere il problema segnalato e porre rimedio agli eventuali danni subiti. Nel caso in cui, invece, il reclamo venga ritenuto infondato, il Gestore fornirà all’Investitore, oltre alle motivazioni alla base della decisione, anche le indicazioni per adire, ove lo ritenga opportuno, i sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie.
  4. In particolare, il Gestore informa l’Investitore che per controversie relative alla violazione da parte del Gestore degli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza previsti nei confronti degli Investitori nell’esercizio delle attività disciplinate nella parte II del TUF, è stato istituito l’Arbitro delle Controversie Finanziarie (di seguito anche solo “ACF”) cui Puzzle Funding aderisce, assicurando che i reclami ricevuti vengano trattati e valutati anche alla luce degli orientamenti desumibili dalle decisioni assunte dall’ACF.
  5. In caso di mancato accoglimento, anche parziale, dei reclami, l’Investitore potrà presentazione del ricorso all’ACF secondo le modalità e nei casi indicati sul sito dell’ACF (https://www.acf.consob.it/).
  6. La decisione dell’ACF non preclude il ricorso all’Autorità Giudiziaria e, anzi, il ricorso all’ACF o ad altro sistema alternativo di risoluzione delle controversie è condizione di procedibilità per avviare un procedimento giudiziario.

 

25. Disposizioni generali

  1. L’eventuale tolleranza del Gestore rispetto a comportamenti degli Utenti in violazione di disposizioni delle presenti Condizioni Generali non costituirà rinuncia ai diritti derivanti dalle disposizioni violate, né al diritto di esigere l’esatto adempimento di tutti i termini e condizioni delle presenti Condizioni Generali. Nessuna rinuncia delle previsioni delle presenti Condizioni General costituirà una rinuncia di ogni altra previsione, né alcuna rinuncia costituirà una rinuncia definitiva.
  2. Le rubriche dei singoli articoli, paragrafi, sezioni e/o sotto-sezioni sono apposte al fine di facilitare tale lettura e, quindi, non dovranno essere tenute in alcun conto ai fini dell’interpretazione delle presenti Condizioni Generali. Ogni riferimento a generi includerà tutti i generi, e le parole che comportano il solo uso del numero singolare includeranno il plurale e viceversa.
  3. Qualsiasi articolo, sezione, paragrafo, suddivisione o altra disposizione delle presenti Condizioni Generali che sia, o divenga illegale, invalida o priva di efficacia, (i) dovrà essere considerata eliminata dalle presenti Condizioni Generali, nei limiti consentiti dalla normativa vigente, (ii) dovrà essere considerata inefficace nei limiti di tale illegalità, invalidità o inefficacia, (iii) non dovrà in alcun modo pregiudicare le altre disposizioni delle presenti Condizioni Generali e (iv) dovrà essere sostituita da una previsione che rispecchi l’effettivo intento delle Parti. In caso di invalidità o inefficacia di qualsiasi pattuizione delle presenti Condizioni Generali, in tutto o in parte, il Gestore si riserva il diritto di sostituire tali pattuizioni con altre valide ed efficaci che abbiano sostanzialmente lo stesso effetto, con riguardo all’oggetto e agli scopi delle presenti Condizioni Generali.

 

26. Legge applicabile e controversie

  1. Alle presenti Condizioni Generali si applicano le leggi della Repubblica Italiana, con esclusione delle norme di diritto privato internazionale.
  2. In caso di controversia che non sia stata risolta nell’ambito della gestione dei reclami di cui all’art. 21 delle presenti Condizioni Generali, la parte interessata potrà ricorrere all’ACF ovvero esperire un procedimento di mediazione ai sensi del D. Lgs n. 28 del 2010 e s.m.i. (“Procedimento di Mediazione”). Il ricorso all’ACF ovvero il Procedimento di Mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale.
  3. Qualora il Procedimento di Mediazione si concluda senza un accordo o comunque ricorrano le condizioni previste dal D. Lgs n. 28 del 2010 e s.m.i. ovvero non sia condivisa la decisione dell’ACF, la parte interessata potrà procedere con l’instaurazione della controversia giudiziale (“Procedimento Giudiziale”).
  4. Per qualsivoglia Procedimento Giudiziale, relativo alla validità, interpretazione e/od esecuzione delle presenti Condizioni Generali, salvo i casi di competenze inderogabili per legge, sarà competente in via esclusiva il Foro di Milano.
  5. Ciò nonostante, il Gestore si riserva comunque l’insindacabile diritto di agire in giudizio innanzi a diversi fori in Italia o all’estero, per tutelare i propri interessi e diritti.


ULTIMO AGGIORNAMENTO:  Marzo 2022